Lo sai che?

E l'ozono in natura?

L'ozono (marca chimica O3) è un componente naturale dell'alta atmosfera. Sotto l'azione della luce solare sull'ossigeno atmosferico, tre atomi di ossigeno sono concatenati insieme, creando una molecola di ozono. L'ozono è di per sé instabile e quindi si decompone in ossigeno bivalente "ordinario" O2 in breve tempo.

L'ozono gioca un ruolo importante perché il suo strato molto sottile nella parte superiore dell'atmosfera protegge la vita sul nostro pianeta dai dannosi raggi UV. Un capitolo a parte è costituito dall'ozono troposferico, un gas aggressivo e irritante. È causato dalla luce solare intensa da una reazione fotochimica o da una scarica elettrica di un fulmine durante un temporale.

Uso pratico dell'ozono nell'industria e nelle famiglie

L'ozono è un agente ossidante molto forte grazie alla sua composizione (tre atomi di ossigeno in una molecola). Questo è uno dei disinfettanti più efficaci che conosciamo. L'ozono artificiale viene utilizzato, ad esempio, per il trattamento senza cloro dell'acqua potabile, dell'acqua della piscina, del trattamento dell'acqua nell'industria alimentare, dello sbiancamento e di altre aree industriali. Un'altra importante area di utilizzo pratico è la disinfezione dell'aria. L'ozono rimuove in modo molto efficace tutti gli inquinanti nell'aria, compresi i virus. Questa funzione ha notevolmente ampliato l'area di applicazione e i generatori di ozono si stanno attualmente espandendo in massa dall'uso puramente industriale attraverso uffici aziendali, centri fitness, teatri, cinema e abitazioni. Un uso specifico di ozonizzatori più piccoli è la rimozione di odori e sostanze inquinanti dalle automobili, in particolare dalle unità di condizionamento dell'aria.

Valori limite di ozono per la sicurezza e la salute

L'uso dell'ozono ha le sue insidie, che devono essere affrontate. Per la sua capacità disinfettante, dovuta al fatto che è un forte agente ossidante sotto forma di un gas irritante, che ha un effetto dannoso sul corpo umano anche a basse concentrazioni, il suo livello deve essere monitorato molto attentamente nelle aree in cui le persone e gli animali si muovono.

Gli standard di salute e sicurezza stabiliscono i valori massimi di esposizione all'ozono. All'interno, i valori massimi consentiti dalle normative sono compresi tra 0,05 e 0,1 ppm. Nell'ambiente esterno, il limite per l'ozono troposferico è fissato a 120 µg / m3.

Norme di sicurezza per l'uso di generatori di ozono (O3)

Il limite igienico del livello di ozono, come già accennato, è di 0,05 ppm. La maggior parte di noi sperimenta questo livello con l'olfatto. Il pericolo è l'intorpidimento della capacità di odorare ozono per inalazioni ripetute. Esiste il rischio associato a questa proprietà che non si percepisca più la presenza di ozono dopo pochi respiri, che può avere conseguenze fatali. L'ozono è pericoloso per l'uomo, soprattutto allo stato gassoso. Quando inalato, provoca difficoltà respiratorie, mal di testa, nausea, irritazione delle mucose, degli occhi e della pelle. A dosi elevate, l'ozono può causare collasso e conseguente morte. L'ozono provoca anche danni permanenti ai polmoni in grandi quantità. È importante sapere che tutti i generatori di ozono producono ozono in una quantità che in una piccola stanza raggiunge una concentrazione da decine a centinaia di ppm in pochi minuti. In generale, la concentrazione dipende fortemente dallo stato dell'ambiente. Nello specifico, dipende dalla temperatura, dal rapporto di ossigeno nell'aria e dalla sua umidità. Se il generatore di ozono è in funzione, è assolutamente necessario impedire a chiunque di entrare nelle aree disinfettate fino a quando queste aree non siano realmente perfettamente ventilate dopo lo spegnimento del generatore.